ROTOTOM E SOLIDARIETA’

ATTUALITA' E POLITICA

Il Festival Rototom ha dato la sua disponibilità ad aiutare i migranti della nave Aquarius, riabilitando, di fatto, l’immagine del Belpaese agli occhi del pianeta terra. Non è un caso, anche i ragazzi di Filippo Giunta sono dei rifugiati, pur non essendo partiti di loro iniziativa, ma costretti ad accasarsi altrove, accusati ingiustamente delle peggiori nefandezze da politici ignobili, ignoranti e bugiardi. Le radici friulane del progetto mi rendono ancora più fiero di quelli che, un tempo, vennero chiamati drogati da quattro coglioni con la testa nel culo, e che invece hanno dimostrato, una volta di più, sensibilità verso i più deboli, auspicando con il loro gesto l’unico futuro possibile e accettabile, un mondo multietnico privo di barriere, aperto alla condivisione e al reciproco aiuto tra i popoli.

 

Facebook Comments