INIZIANO I MONDIALI : RUSSIA – ARABIA SAUDITA

CALCIO

Russia-Arabia Saudita 5-0

I campionati del mondo di calcio hanno preso il via oggi pomeriggio, mentre ripassavo i sanitari e sbrigavo le fughe delle piastrelle. Vista l’assenza della Squadra, affidata da un presidente pazzo e scatenato al Gabibbo, si tratterà della competizione più skrausa dal 1958 ad oggi. D’altronde, con un tecnico come Ventura, non ci saremmo qualificati nemmeno se fossimo stati il paese ospitante. Invece li fanno in Russia e in tribuna si intravede Putin, che se ne sbatte allegramente i coglioni e discute con un principe saudita di oleodotti e puttane. In campo gli ex sovietici, guidati dal generale Gomelski, famoso per il suo schema mezzaruota, che schierano un centrocampista in odore di JuventURSS, tale Golovin, un discreto palleggiatore, come se ne trovano tanti nella famiglia Feresin a Monticello o nel borgo Sottomonte, sempre a Cormòns. Non gioca Zavarov. Gli arabi hanno dentro un sacco di Osama, tanto da far cagare addosso più di qualche curvaiolo, e in panchina l’allenatore Pizzi, cugino del ben più famoso terzino di Oleis-Badia Enzo Pizzi, che detiene ancora il record europeo di fratture a tibia e perone procurate a incauti giocatori di punta dei campionati minori sotto la seconda categoria. La partita è quella che è, stiamo parlando di due squadre del cazzo che non arriveranno da nessuna parte. I figli della Duma vestono le solite maglie orribili, tengono dietro Smolov, detto il macellaio di Niznij Novgorod, figlio illegittimo del vecchio baluardo polacco Smolarek, e fanno tre gol a caso perchè ai sauditi butta di merda da quando li hanno messi in un albergo sei stelle senza Budoir e Garcon Pipì. Alla fine non c’è storia e le badanti portano a casa i primi tre punti della corrida pedatoria senza stancarsi più di tanto. Domani verrà il momento del cane Suarez contro il Pelè delle piramidi, che sarà una roba che non ti aspetti nemmeno dentro la sala d’aspetto del Sert.

Buon divertimento!

 

Facebook Comments