THE RIB – FAR EAST FILM FESTIVAL 2019

FAR EAST FILM FESTIVAL

 

THE RIB (FAR EST FILM FESTIVAL 2019)

Davvero molto bello questo film diretto dal sempre bravo e attento regista indipendente cinese Zhang Wei presentato alla ventunesima edizione del Far East Film Festival di Udine. Una storia drammatica, emozionante e commovente, fotografata in bianco e nero con qualche pennellata di rosso ogni tanto, un po’ come hanno già fatto in passato Spielberg e Ford-Coppola. Un film intenso, elaborato seguendo un filo narrativo semplice e lineare, intriso di dolore e sofferenza, ma pieno di speranza, di umana redenzione, di orgoglio. La vicenda, pensate, è ambientata nel mondo cattolico cinese, che a tratti ricorda quello clericale e bigotto delle “lavanderie” irlandesi, e vede un anziano padre alla prese con il desiderio del figlio di cambiare sesso e diventare donna. Il giovane, impiegato in un ufficio, ha sempre nascosto al genitore il proprio essere, e vive una seconda vita sostenuto da un’amica transgender che, a causa dell’intolleranza e dell’ignoranza di coloro che la circondano, decide di suicidarsi. Il padre, scosso da questa notizia, cambia il suo atteggiamento negativo nei confronti del figlio, e dopo un percorso personale che lo vede abbandonare gli antichi e ottusi pregiudizi che condizionavano il suo pensiero, decide di aiutare il giovane a rinascere e a ricostruirsi una nuova esistenza. Zhang Wei è bravissimo a porre l’attenzione sulla possibilità di cambiare idea rispetto a concetti arcaici e irrispettosi delle scelte di un essere umano, sul fatto che un padre cattolico possa riuscire a capire un figlio, anche con l’aiuto della preghiera, ma soprattutto cercando un dialogo, un confronto. Un film duro quindi, difficile da digerire, indispensabile per potere comprendere un intero mondo che, piano piano, sta cercando di rivendicare i propri diritti per troppo tempo calpestati e derisi, un piccolo capolavoro da vedere e rivedere, che sicuramente, tra non molto, si potrà trovare in versione DVD. Nel caso, non perdetevelo.

 

 

Facebook Comments