LA VITA FACILE

NETFLIX e INFINITY

 

Il panorama cinematografico nazionale, dopo alcuni anni di cammino sottotraccia, ha ripreso in mano, grazie a registi da box office di qualità come Sorrentino, Garrone e Salvatores, le redini di un discorso interrotto alla fine del secolo scorso.

E’ uscito su Netflix oggi un bel lavoro del regista piemontese Lucio Pellegrini, che aveva firmato in passato due pellicole molto carine con Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, E allora mambo e Tandem.

In questo film, che mantiene comunque una vis comica particolare soprattutto grazie all’interpretazione istrionica di Pierfrancesco Favino, oltre a uno Stefano Accorsi in grande spolvero, Pellegrini racconta l’Africa e il terzo mondo con un occhio più riflessivo e affronta le tematiche dell’emergenza medica e del volontariato con piglio e sagacia non comuni.

La Vita Facile è un ottimo film proprio per questo, lascia che la commedia scorra paciosa senza che però venga intaccata la chiave di lettura più seria e che la sensibilità nell’approccio alla visione cammini pari passo con le battute e le dinamiche della trama.

Che poi, a bene vedere, gli argomenti toccati da Lucio Pellegrini sono molteplici, dal rapporto con il denaro, l’arrivismo, il tradimento, l’amicizia, l’amore per gli altri, e tutto questo non entra in un calderone buttato un po’ via così tanto per, bensì sviluppa piano tutte le varianti e le collega in modo logico alla spina dorsale della sceneggiatura con grande intelligenza.

Un altro buon film da guardare prima dell’arrivo del caldo africano e delle meritate vacanze estive.

Facebook Comments