LO SPIETATO , LA RECENSIONE: SCAMARCIO SU NETFLIX

NETFLIX e INFINITY

LO SPIETATO , LA RECENSIONE: SCAMARCIO SU NETFLIX


A volte mi capita di guardare un libro di un qualche scrittore famoso dentro uno scaffale e di fissarlo. Tutti ne parlano bene, la critica ne scrive in maniera entusiastica, eppure non mi ispira, rimango lì a fissarlo. Poi di solito esco e me ne vado. Raramente lo acquisto e me lo porto a casa, ma poi faccio fatica ad aprirlo per dare inizio alla lettura. Quando succede poi non lo mollo più fino alla fine, e mi ritrovo felice di averlo fatto, e, parafrasando Gaber, me lo gusto come fosse uno shampoo. Lo stesso, in qualche modo, vale per i film. Alcune volte proprio non mi ci metto, altre ci provo, poi a volte, non sempre in questo caso, rimango soddisfatto. Lo Spietato, ultima uscita Netflix con Riccardo Scamarcio e diretto da Renato Di Maria, ha seguito le vie tortuose dell’indecisione e dello scazzo personale, dimostrandosi, al contrario delle apparenze, un lavoro scritto e diretto con il giusto piglio. Di Maria, influenzato dai Bravi Ragazzi di Martin Scorsese, oltre che dalle opere anni settanta di Fernando Di Leo, mantiene comunque una propria indipendenza narrativa, regalando all’intera pellicola una luce vivida e un rilievo storico preciso e importante. I fatti che vengono raccontati nel film spiegano l’Italia degli emigranti e descrivono, con sagacia, il grigiore degli anni di piombo attraverso i movimenti di alcuni esponenti della malavita milanese dell’epoca. La scenografia di Giada Esposito è precisa e meticolosa, e trasporta lo spettatore in uno mondo che sembra lontano anni luce da quello attuale. Il tratto della famiglia calabrese, con le sue tradizioni e i suoi moralismi bigotti, viene dipinto sullo schermo in maniera assolutamente fedele e credibile. Scamarcio, tra le altre cose, regala una prova attoriale intensa e di carattere, assieme a un cast prestigioso, che annovera , tra gli altri, la brava Sara Serraiocco e un ottimo Alessio Praticò. Guardatelo, ve lo consiglio.

 

Facebook Comments