NORSEMEN: LA SERIE DEMENZIALE SUI VICHINGHI

NETFLIX e INFINITY

NORSEMEN

Era dai tempi de I Forti di Forte Coraggio che non mi imbattevo in una serie d’epoca così divertente e intelligente. Stiamo parlando di Norsemen, serie norvegese scritta e diretta da Jon Iver Helgaker e Jonas Torgersen e che viene distribuita da Netflix in inglese sottotitolata in italiano. Certi tipi di contenuti comici teatrali possono essere spesso fraintesi dal pubblico, in questo caso sarebbe facile farsi fuorviare da influenze in pieno stile Monty Python, dove il nonsense domina la scena indisturbato. Norsemen è invece intrisa di un umorismo intelligente ma non intellettuale, che irride la violenza fine a se stessa e sposta nel tempo alcuni stereotipi attuali, ambientando tutto nel villaggio vichingo di Norheim nell’anno 790. Vengono in mente addirittura alcune vignette del caro e vecchio Vicky il vichingo, specialmente per quel che riguarda la caratterizzazione dei personaggi, pieni di tic e sfighe di vario tipo. In realtà in questo villaggio non si vive male, tra razzie e banchetti pantagruelici, dove anche gli schiavi si sono adattati al loro ruolo e le coppie si scambiano i coniugi con facilità orgiastica. C’è un capo, prode e battagliero, piuttosto sanguinario ma equo, un fratello indolente ed effeminato, una moglie virtuosa e predisposta al sacrificio umano, un primo cavaliere coraggioso ma ingabbiato da una moglie tanto bella quanto rompiballe. Ci si prende gioco di tutto, dalle classiche frasi fatte ai comportamenti tipicamente corretti che, anche allora, venivano in qualche modo sbugiardati sul campo attraverso grottesche pantomime orchestrate ad arte. Una farsa insomma, scritta e recitata alla grande, che sfiora a tratti la genialità e che non smetterà d farvi ridere nemmeno per un istante. Sul serio, non perdetevela.

Facebook Comments