RECENSIONE DELLA PRIMA STAGIONE DI KNIGHTFALL – NETFLIX

NETFLIX e INFINITY

Knightfall è una serie televisiva piuttosto sorprendente commissionata dal canale History nel 2016, uscita nel dicembre del 2017 e distribuita da Netflix nell’ottobre di quest’anno. Prodotta da Jeremy Renner, meglio conosciuto come Occhio di Falco, quello figo che tira frecce negli Avengers. I primi episodi sono stati diretti dal regista di Outlander Douglas Mackinnon e gli esterni sono stati girati a Dubrovnik in Croazia e a Praga in Repubblica Ceca e sono in corso le riprese della seconda stagione, dove esordirà l’attore Mark Hammil, sceso nell’anonimato dopo Star Wars e i relativi tuffi con i caccia ribelli nei panni di Luke Skywalker. Ritornando a bomba su Knightfall, si tratta di una serie, come dicevo, sorprendente, che, a parte alcune banalità e qualche breve calo nella narrazione, è scritta molto bene e riesce ad essere coinvolgente. Il pathos si mantiene sempre alto, così come il ritmo, i personaggi sono descritti molto bene e la saga di Filippo il Bello e della moglie Giovanna, ovviamente romanzata e adattata a sceneggiato televisivo, tiene bene il paragone con altri lavori in storici in costume che sono riusciti a sfondare negli anni come, ad esempio, Il trono di spade. Qui si parla di templari e del Santo Graal, che è un argomento abiurato, certo, ma se viene esposto nel modo giusto, come in questo caso, non stanca gli occhi e impedisce allo spettatore di dedicarsi ad altro. Il cast è ottimo e gli attori tutti assolutamente credibili nelle loro parti, una nota di merito va alle scene di massa che, nonostante si tratti di un prodotto pensato per la televisione e non per il grande schermo, sono notevoli. Alcune scene truculente rimandano ad un gusto prettamente splatter, ma sono poche e non disturbano più di tanto i non amanti del genere. Da guardare insomma, possibilmente tutto in una notte.

http://www.ibuonicuginieditori.it/catalogo_prodotti_i_buoni_cugini_editori/deliso-max-breve-storia-di-rosita-e-kaplan.html

Facebook Comments