THE LAST KINGDOM

NETFLIX e INFINITY

Approcciarsi alle serie storiche, quando esse hanno un fondamento veritiero, può diventare un passatempo assolutamente divertente.

The Last Kingdom è una produzione un po’ sottovalutata, non se ne parla molto, ma in realtà sono andate in onda già due stagioni e, da quel che ho capito, il finale aperto permetterebbe di girarne una terza.

Qui comunque si racconta la vita di un figaccione da paura, in questo caso inventato dagli sceneggiatori, che vive e prospera alla corte di Alfredo il Grande, re e santo noto agli storici, famoso per essere stato uno dei precursori dell’unione dell’Inghilterra e per avere combattuto e sconfitto i temibili guerrieri danesi, che avevano occupato alcune zone della Sassonia.

La trama è interessante e gira intorno al bonazzo di qui sopra, di nome Uhtred, che grazie alla sua prorompente attitudine cappa e spada seduce decine di donne di cui si innamora e con le quali intreccia relazioni intense e drammatiche.

Figlio di nobili, perde titoli e denari dopo essere stato rapito dai Normanni, che lo educano alla battaglia, ma poi incrocia più e più volte la strada del geniale Re Alfred, che un po’ lo prende per il culo e un po’ lo aiuta , e questo rapporto particolare segna tutta l’esistenza del giovane ribelle.

E’ un lavoro violento, anche se non particolarmente sanguinolento, si tratta di una specie di Trono di Spade meno fashion e più rurale, che dopo qualche puntata rapisce lo spettatore e si rivela quindi piuttosto efficace.

E’ importante sapere che, ed è un valore aggiunto, la divisone tra bene e male è abbastanza labile, pur prendendo le parti dell’eroe, che a volte si comporta come un bandito sanguinario altre come un gentiluomo, tutti i personaggi denotano tratti contrastanti ed evidenziano i loro pregi e le loro debolezze alternandole.

Detto tra noi, The Last Kingdom appassiona e non poco, pur mantenendo un basso profilo, lontano dalle sciccherie americane e più vicino all’intrattenimento europeo di nicchia. Fossi in voi un’occhiata la darei.

 

Facebook Comments