GRANDE FRATELLO, PUNTATA DEL 13 MAGGIO

PROGRAMMI TV

GRANDE FRATELLO

Ieri sera, al Grande Fratello taroccato voluto dalla D’Urso, ci sono stati dei numeri che al Circo Orfei il celebre pagliaccio Porfirio Bagigia ha tentato il suicidio assieme alla famiglia di trapezisti Baldini Zambelli e all’inossidabile mimo castrato Albert. Si parte in bomba grazie a una smaccata e grottesca posa autoreferenziale della conduttrice sulle note di The Final Countdown, che lei però sembra Ramses II un attimo prima dell’imbalsamazione e Joey Tempest quando ha visto lo hanno ricoverato all’ospedale di Stoccolma con la permanente collassata e l’occhio vitreo tipico della follia scandinava. Poi è subito Francesca De Andrè, che viene messa a confronto con la probabile amante del suo moroso, una bionda che a causa del silicone deve muoversi come dovrei fare io se mi avessero gonfiato due palle da basket dentro i coglioni. Barbarella gode in studio per il delirio starnazzante delle due oche al botulino e cala il carico da undici facendo entrare anche il fidanzato fedifrago della figlia di Cristiano, che però sconvolge il progetto di Caffeuccio fin dalla porta rossa per colpa del chilo e mezzo di bamba pippata nei camerini. La D’Urso perde totalmente il controllo del programma, lo strusciatore Gennaro viene accusato di avere infilato la mano sotto la gonna di Francesca, il suo boy moderno e infoiato dice che ha fatto bene, entra una mamma napoletana con una decima naturale che commuove perfino Kim Jong-un in teleconferenza da Pyongyang, poi il figlio biologico di Serena Grandi, rasato come il culo di un bonobo, che porta delle rivelazioni scottanti e probabilmente false che riguardano il concorrente eterosessuale promiscuo Michael Terlizzi, obbligato obtorto collo a confessare la sua inesistente omosessualità latente in diretta mentre il padre ex pugile isolano vip si scrocchia le nocche da casa per sdrammatizzare, quindi fa capolino una ex bambina ex amica della figlia adottata di Barbara Palombelli che ha una figlia biologica e non si può trattenere più di tanto, e allora dentro Francesca Cipriani che deve lavare con il sangue alcune offese personali lasciate lì come patatine da Valentina, l’influencer italiana più racchia e sconosciuta dell’universo, che le ha dato della stupida tettona ma ora sta piangendo per motivi irrilevanti e sembra Jenna Jameson dopo una gang-bang con un centinaio di dopolavoristi in un cantiere navale del porto di Amburgo. Malgioglio, vestito alla stregua di un centrino di una casa delle bambole, imbonisce un pubblico caricato a dovere dall’assistente di scena, il gay ialuronico Cristian inveisce come una checca isterica accusando chiunque di essere frocio, la D’Urso dice di battersi da anni per i diritti dei froci e delle checche isteriche, per quelli delle donne, per i dopolavoristi del porto di Amburgo, per la fame nel mondo e per la Nutella, quindi urla che il programma è il più twittato del pianeta terra omettendo il fatto che il 95 per cento sono insulti. La casa ormai sembra un troiaio preso d’assalto da centinaia di militari della buffa in libera uscita, Iva Zanicchi manda a puttane mezzo secolo di carriera delirando di misure genitali poco ortodosse mentre Barbarella ride da sola gracchiando il suo solito “Ragazzi” del cazzo a guisa di tormentone, annichilendo immediatamente dopo l’audience con l’annuncio dell’eliminazione di Mila, ex fidanzata di Paolo Belli, ex fiamma di uno di Napoli, ex amica di un figlio illegittimo e biologico di Maradona e della mamma biologica di Paola Caruso, ex compagna biologica di suo padre che è un ex calciatore famoso del Catanzaro ora pensionato biologico. Ecco qui, cazzo, e credetemi, dopo avere visto tutto questo uno non si meraviglia più di tanto del livello penoso della nostra classe politica e dell’inutilità della VAR, e non vi ho nemmeno raccontato della tipa bionda con la ricrescita e l’anello al naso che, a detta di un sosia penoso e non somigliante di Johnny Depp, smazza la canna come Captain Marvel e ha una clitoride con i super poteri, tanto per dire.

Facebook Comments