LA STAGIONE DELLA CACCIA, SU RAI 1 LA SICILIA DI CAMILLERI

PROGRAMMI TV

LA STAGIONE DELLA CACCIA

 

Insomma, la passione televisiva per le sceneggiature del grande Andrea Camilleri non si ferma a Montalbano, ma prosegue imperterrita anche oltre. Questa volta il protagonista delle vicende è un farmacista, Fofò La Matina, che rientra dopo anni di studio forestiero nella natìa Vigata, dove troverà ad accoglierlo antichi amori e una serie inspiegabile di omicidi. Ovviamente la trama non è tutta qui, anzi, si tratta di una matassa intricatissima e ricca di colpi di scena, ambientata nel 1880, che seduce piano piano nonostante qualche buco in regia, come suggerito dai puristi del romanzo siciliano. La Rai ha affidato la  direzione delle operazioni a Roan Johnson, che a dispetto del nome e del cognome è italiano, scrittore e sceneggiatore già visto all’opera ne I Delitti del Barlume. Insomma, una vera e propria illuminazione di stampo giallista, che mi fa pensare al fatto che, in realtà, nel nostro Paese è ancora possibile realizzare produzioni interessanti da esportare all’estero. Per quello che riguarda il cast, molto bravo il protagonista Francesco Scianna, attore e regista teatrale di fama, che qui porta sulle scene una figura inquietante e controversa, e lo fa alla sua maniera, recitando in modo sobrio e puntiglioso, regalando una prestazione artistica di rilievo. Al suo fianco artisti di grande qualità, come Ninni Bruschetta, sempre divertente e simpatico, Miriam Dalmazio, affascinante e credibile,  Donatella Finocchiaro, espressiva e intensa. Sono sicuro che il romanzo di Camilleri, edito nel 1992, sarà anche meglio del film televisivo, ma io non sono rimasto affatto deluso, anzi, devo ammettere che mi sono divertito e che spero che venga dato un seguito a queste vicende in costume così ben ambientate e girate. Se non l’avete visto provate a dare un’occhiata ai canali tematici Rai, di solito le repliche non mancano mai.

Facebook Comments