ROCCO SIFFREDI SHOW A NON E’ LA D’URSO

PROGRAMMI TV

Se vi sembra che il destino cinico e baro abbia preso di mira proprio voi, perché c’avete un’afta, o siete rimasti soli a causa di una psoriasi troppo marcata, o avete perso il lavoro e in tasca non vi rimangono che pochi euro e tanta speranza, con un mutuo ottantennale da onorare e le accise sulla benza che tardano a scomparire, se siete interisti, o depressi, o vi siete rotti i coglioni delle agenzie di trading online che vi chiamano sempre quando state mangiando, ecco, provate a cercare Live con Barbara D’Urso e la vostra vita, l’essenza di quello che siete nell’universo per come lo conoscete, cambierà in un attimo. Ieri sera, più o meno alle ventuno e trenta, sotto una gigantografia di Pamela Prati in pieno stile Tienanmen durante una sfilata per le celebrazioni di Mao, è entrato in studio l’intero entourage freak in quota Mediaset, Vladimir Luxuria, il direttore di Novella 2000, Il Montatore, il gemello di Platinette, Eliana, Il Nano Banano, John Wick 3 Parabellum, Maya, Barbablù, lo shampoo anticaduta Revivogen, tutti lì per parlare per due ore di Mark Caltagirone, l’imprenditore più ricco d’Italia che nessuno al mondo conosce, interpretato in foto da un avvocato cagliaritano e al telefono da un reddito di cittadinanza romano. Barbarona nazionale perde il contatto con la realtà dopo pochi secondi, agghindata per l’occasione come Sir Elton John live al Carnegie Hall o I Cugini di Campagna allo stadio di Pescasseroli, e, quasi in trance, annuncia l’ingresso di Pamela Prati a ogni pisciata di cane. La soubrette di Menéalo un Poquito arriva e chiede di parlare di qualsiasi cosa ma non dei cazzi suoi, che vuole salutare e poi andarsene, c’ha i figli di Caltagirone in affido e se ne sbatte di tutto, quindi esce indignata e cagona, e allora io guardo la mia morosa incredulo e penso ” dio non si potrebbe andare a trombare? “, e anche lei butta l’occhio e pensa ” dio questo non vorrà mica andare a trombare?”. Non si tromba, si rimane lì sul pezzo, perché venuto il momento della Caruso con la mamma biologica che vanno cercando il padre biologico che ha già rinnegato l’allegra famiglia calabrese e minaccia querele a chiunque gli dovesse rompere le togne. Qualcuno piange, a un’ospite in studio orfana con sessantacinque interventi di maxillofacciale sul groppone cola il mascara e gli corrode la rinoplastica più recente, Interrante sbotta, il figlio biologico di Maradona si caga addosso, Il Montatore, disgustato, sviene. D’un tratto, quando sul video appare la figura di Rocco Siffredi, il pubblico tutto si ammutolisce, una leggera brezza rinfresca i volti provati, alcune donne si spogliano per farsi trovare pronte, una milf spagnola gli chiede se ce l’ha sempre duro, a lui, al vero simbolo dell’Italia tutta, e Rocco si alza, con la faccia di uno che sta per affrontare in mare aperto la terribile flotta di Orban, e arringa la folla con la mano sul pacco, e mostra tutto il suo talento: io, urla con quel poco sangue nel cervello che gli è rimasto dopo l’erezione, io prendo il viagra per calmarmi. Ecco, e voi continuate a sorprendervi per Zorro e il VinciSalvini? O per la vostra vita di merda? O per l’afta e la psoriasi?

Facebook Comments